A pochi mesi dall’entrata in vigore della Convenzione sulle Munizioni Cluster (CCM) prevista per il 1 agosto 2010, e in attesa della ratifica da parte dell’Italia (il nostro paese ha sottoscritto il CCM durante la cerimonia di apertura alla firma che si è svolta ad Oslo il 3 dicembre 2008) in linea con altre iniziative legislative internazionali viene proposto un DDL che prende in esame la necessità di creare coerenza tra quanto sottoscritto con la firma di alcuni Trattati e la proibizione del sostegno indiretto garantito dalle banche anche nazionali ad aziende di Paesi, che non avendo aderito a tali Convenzioni, continuano a produrre mine antipersona o cluster bombs.

La Campagna Italiana Contro le Mine Onlus in occasione del lancio in Italia della Campagna “Fermiamo gli investimenti esplosivi” organizza Martedì 25 maggio,dalle ore 11.00 – presso la sala Caduti di Nassirya (sala stampa) Senato della Repubblica – Palazzo Madama 2, Roma – la conferenza stampa per la presentazione del DDL “Misure per contrastare il finanziamento delle imprese produttrici di mine antipersona, di munizioni e sub munizioni a grappolo” .
Il disegno di legge rappresenta la prima iniziativa legislativa nazionale sul tema dei finanziamenti da parte degli istituti bancari verso i produttori di armi promossa da Campagna Italiana Contro le Mine e Fondazione Culturale Responsabilità Etica e sostenuta dalla Rete Italiana per il Disarmo.
Saranno presenti:
Sen. Silvana Amati (PD)
Sen. Barbara Contini (PDL)
Sen. Roberto Di Giovanpaolo (PD)
Santina Bianchini Campagna Italiana Contro le mine Onlus
Sabina Siniscalchi Fondazione Culturale Responsabilità Etica
Giuseppe Schiavello Campagna Italiana Contro le mine Onlus
Gianna Zappi Ufficio Responsabilità Sociale Impresa ABI
Alessandra Viscovi Etica SGR

 

[Foto di Lazy Susan 23]